Loading...

Castello Reale di Govone

C’era una volta un castello troppo gentile che preferì la cultura alle guerre.

 

Il Re Carlo Felice di Savoia non aveva nelle sue corde la propensione al trono e non ne faceva mistero. Amava circondarsi di natura e di bellezza e forse per questo motivo scelse di vivere per 15 anni proprio qui, nel Roero, nella splendida residenza estiva di Govone. Un tempo, nel Medioevo, quello che oggi ci appare come un castello, era una fortezza, ma alla fine del XVII sec i Conti Solaro affidarono all’architetto Guarino Guarini i lavori di ampliamento e abbellimento. L’architetto, purtroppo, riuscì solo a elaborare il progetto, ma non portò a termine i lavori. Dopo circa un secolo, fu Benedetto Alfieri a riprendere i disegni e a completare la riqualificazione del sito che perse tutto il suo aspetto austero arrivando a noi imponente, come si conviene ad un castello, ma con linee aggraziate e accoglienti. Nel 1792 divenne proprietà dei Savoia, che ne fecero una residenza estiva, ma su tutti furono Carlo Felice e la consorte Maria Cristina a viverlo per un tempo piuttosto lungo.

Indirizzo
Piazza Roma, 1 - Govone
Contatti
info@castellorealedigovone.it
+39 0173 58103

Un eremo di pace circondato da un parco voluto dal Re e curato dalla Regina.

Fu un andirivieni di capi di Stato, sovrani, diplomatici e tanti personaggi illustri. Vi si svolsero solenni ricevimenti e, forse proprio per questo, Carlo Felice decise di ampliare e impreziosire il giardino settecentesco all'italiana, caratterizzato da siepi di bosso e vialetti che confluiscono ad una fontana centrale, il tutto circondato da platani e ippocastani.  Il parco fu realizzato in tre riprese: la prima in epoca di Carlo Felice, la seconda dopo la sua morte nel 1833 per volere della vedova Maria Cristina, la terza a partire dal 1849 con Ferdinando Duca di Genova.  

 

Quadro_Castello di Govone

Dal 1997 Patrimonio dell'Umanità UNESCO.

Sensazioni d’altri tempi rivivono oggi grazie a spettacoli, visite guidate, mostre e un grande evento natalizio. Poco è rimasto in termini di arredi dell’antico fasto; si sono salvate soltanto le decorazioni pittoriche del salone da ballo, gli affreschi delle camere del Re e della Regina, le tappezzerie cinesi delle stanze delle principesse; tutto il resto è andato perduto. Di sicuro rimane il fascino di una storia che ha fatto sì che il Castello di Govone fosse di diritto incluso nel circuito delle “Residenze Reali” del Piemonte e riconosciuto, nel 1997, dall’UNESCO quale ‘patrimonio artistico e culturale dell’umanità’.

Curiosità

Lunedì: Chiuso
Martedì: Chiuso
Mercoledì: Chiuso
Giovedì: Chiuso
Venerdì: 10:00-12:00, 15:00-18:00
Sabato: 10:00-12:00, 15:00-18:00
Domenica: 10:00-12:00, 15:00-18:00
Pasqua
10:00
12:00
15:00
18:00
1 Maggio
10:00
12:00
15:00
18:00
Visitabile
SI
Visite su prenotazione
SI
€ 5,00
intero
€ 4,00
prezzo ridotto
over 65 anni
categorie aventi diritto alla riduzione
Le informazioni contenute nella pagina potrebbero subire variazioni. Ti consigliamo di verificare ulteriormente i dati contattando direttamente il bene o servizio di tuo interesse per vivere appieno il tuo soggiorno in Langhe Monferrato Roero.

44.804764, 8.0997453

Ente Turismo Langhe Monferrato Roero
Piazza Risorgimento, 2 - 12051 ALBA (CN)
Tel.+39.0173.35833 - Fax +39.0173.363878
info@visitlmr.it